Comunicazione al San Luigi - IPF Insieme per Fare

I P F
Vai ai contenuti

Menu principale:

Comunicazione al San Luigi

Chi Siamo
Gentilissimo Dottor Baccon,

                                            il 1° novembre u.s. il professore Carlo Albera ha ottenuto l’incarico di primario di pneumologia all’ospedale Molinette di Torino.

         Il professore Albera, a cui vanno i nostri auguri per il prestigioso incarico ed i nostri ringraziamenti per la dedizione profusa, con il suo impegno decennale ha contribuito non poco a collocare l’ambulatorio di Interstioziopatia Polmonare del nostro ospedale  ai vertici nazionali nel trattamento dell’IPF, per capacità medico-scientifiche e per livello di funzionamento.
Questo patrimonio di competenze va assolutamente preservato innanzitutto per rispondere alle esigenze delle centinaia di ammalati che fiduciosamente si sono affidati alle cure del San Luigi ma anche per il mantenimento del prestigio raggiunto dell’ospedale, frutto di tanta fatica dei suoi operatori.

Siamo certi della competenza medica e dell’affidabilità del dottor Crosa, che tutti noi conosciamo per l’impegno con cui sinora ci ha seguito, ma vorremmo capire quali ulteriori risorse umane e materiali l’ospedale pensa di investire nell’ambulatorio, affinché  ogni rischio di declino sia scongiurato.

Alcuni pazienti iscritti all’Associazione ci hanno manifestato qualche preoccupazione: noi pensiamo che Lei e l’Ospedale sappiate indicare modalità e tempi in grado di dissipare tali preoccupazioni e salvaguardare questo enorme patrimonio che appartiene anche a noi pazienti.

Ove lo ritenesse, l’Associazione IPF -Insieme Per Fare è totalmente disponibile a collaborare e contribuire alla soluzione di qualsiasi problema che si frapponga al conseguimento del comune obiettivo nell’interesse dei pazienti.

La ringraziamo per l’attenzione e saremmo contenti di poterLa incontrare.

Accetti i nostri saluti ed i nostri auguri di buon lavoro.


Antonio Mangano (Presidente – Insieme Per Fare)
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu